Viterbo. Confermata la presenza di “Tremolite di amianto”, la Asl di Viterbo comunica i risultati ricevuti  dall’Università di Torino sulle analisi effettuate sui campioni di feldspati provenienti dal distretto ceramico di Civita Castellana. Le indagini, condotte con microscopio elettronico a trasmissione (Tem), rappresentano un ulteriore approfondimento rispetto alle analiscavai (microscopia ottica a contrasto di fase, microscopia ottica a luce polarizzata e microscopia elettronica a scansione) già condotte presso il laboratorio di igiene industriale, centro regionale Amianto. A seguito dell’esito di tali procedure standard, abitualmente utilizzate per l’individuazione delle fibre di amianto, la Asl di Viterbo aveva prontamente comunicato alle aziende interessate le misure di prevenzione da adottare per la tutela della salute dei lavoratori.