Atina. Con l’accusa di turbativa d’asta sono finiti agli arresti domiciliari il comandante della polizia locale di Atina, Alfonso Caputo e Pierluigi Ferraro imprenditore cassinate. Al centro dell’inchiesta ci sono presunte irregolarità riscontrate dalla Procura di Cassino nell’ambito dell’affidamento della gara di appalto per la gestione di un autovelox ad Atina. L’arresto in flagranza di reato è scattato martedì pomeriggio qualche ora prima dell’apertura delle buste, mentre i due complottavano circabanconote false carabinieri le offerte per favorire la società del cassinate.