Roma. È partita ieri sera l’ultima corsa del treno che da Giardinetti porta a Termini. La storica tratta ferroviaria, fino ad oggi, dalla periferia entrava nel cuore di Roma servendo da 99 anni uno dei quadranti più densamente popolati della città. Il treno dimezza dunque la sua corsa e assume come capolinea Centocelle. Pare sia per effetto della metro C che Atac ha preso questa decisione, per preparare l’intervento di realizzazione del nuovo capolinea della ferrovia nei pressi della stazione Parco di Centocelle. A causa quindi dell’aferroviavvento della terza metropolitana della Capitale e del suo percorso, si è deciso di depotenziare uno storico servizio utile a molti. Eppure, ricordano i residenti, non sono passati molti mesi dal marzo di quest’anno quando l’ex assessore alla Mobilità Guido Improta, nel corso di un incontro a Villa De Sanctis a Centocelle, assicurava che con l’avvento della metro C non c’era alcun progetto di dismissione della tratta. I cittadini sono pronti a dare battaglia, soprattutto a Torpignattara, dove si richiede una ‘cura del ferro’, non percependo la metro C come mezzo in grado di sostituire la storica tratta. Giulia Di Giovanni