Roma. Un vano batterie si stacca da un treno in corsa ed urta il rivestimento della galleria che cede in parte. Questa la causa dell’incidente di ieri mattina che ha paralizzato la metro A di Roma. guasto-metro-b-stop-treniAttimi di panico a causa del fumo e della puzza di bruciato che hanno seguito il boato. Il convoglio è stato immediatamente evacuato in una delle stazioni più frequentate e nel cuore della Città Eterna, piazza di Spagna. Subito dopo la chiusura del tratto fra San Giovanni e Ottaviano ha decretato l’ennesima giornata di caos nel trasporto pubblico romano ed ancora una volta il traffico impazzito. Atac parla di “mera fatalità”, mentre l’assessore ai Trasporti Stefano Esposito condanna la precarietà dei trasporti pubblici della capitale, ma soprattutto la negligenza alla base dell’incidente. I bus navetta messi a disposizione sono stati letteralmente presi d’assalto. I marciapiedi invasi di gente. Il traffico è andato in tilt per tutta la giornata: in molti hanno deciso di tornare a casa e prendere l’auto o la moto. Code da Porta Maggiore a San Giovanni, da piazza Vittorio a piazza dei Cinquecento. Ripercussioni sul lungotevere, attorno a San Pietro. Lunghissime code pure alle stazioni dei taxi. Per questo il Codacons presenterà un esposto in Procura chiedendo anche al Campidoglio una sorta di indennizzo per i romani: tre giorni di metro e bus gratis.