Viterbo. Simula un incidente stradale per nascondere l’infortunio sul lavoro di un operaio non in regola. Per questo un 62enne, legale rappresentante di una cooperativa di Blera (Viterbo), che si occupa del taglio e della piallatura del legno, è stato denunciato dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Viterbo, insieme ai militari della stazione di Blera, al personale del corpo forestale di Vetralla e dell’Als di Viterbo. L’ucarabinieri-112omo, il 25 giugno scorso, dopo l’infortunio sul lavoro di un operaio 31enne di origini romene, che lavorava “in nero”, ha simulato un incidente stradale lasciandolo ferito per strada. Il 31enne era stato soccorso e trasportato all’ospedale Belcolle di Viterbo, dove gli è stata riscontrata la rottura del bacino, delle gambe e della mano. Le forze dell’ordine hanno fatto luce sull’accaduto: il legale rappresentante della società è stato denunciato all’autorità giudiziaria per omissione di soccorso e simulazione di reato. Sono state elevate alla società sanzioni amministrative per 7mila euro.