Roma. Dal 30 giugno al 4 luglio si terrà il meeting formativo “WIMUN 2014”. Iniziativa in esclusiva mondiale  organizzata dall’ONU attraverso la WFUNA (Federazione Mondiale delle Associazioni per le Nazioni Unite) in collaborazione con la SIOI (Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale) e con il patrocinio della Presidenza della Repubblica, Ministero degli Affari Esteri, la Rappresentanza UE in Italia, il CONI, le agenzie ONU presenti a Roma (FAO, WFP, IFAD, ILO, UNICRI) e diverse università italiane. Tutti intorno ad un tavolo, come una vera e propria partita stile Risiko, solo che qui l’obiettivo non è fare la guerra conquistando territori ed annientando avversari ma, al contrario, trovare una strategia condivisa per il mantenimento e la costruzione della pace – peace keeping e peace building- attraverso l’utilizzo di strumenti didiplomazia preventiva per sensibilizzare la futura diplomazia ai valori della Nazioni Unite ponendo l’accento su tematiche umanitarie, economiche e sociali internazionali e, come ricordato anche da Ban kimoon, Segretario Generale dell’Onu, nel suo messaggio ai giovani partecipanti: “…Le Nazioni Unite lavorano ogni giorno, tutto il giorno, in tutto il mondo, per affrontare le emergenze di oggi e costruire contemporaneamente le fondamenta per la pace di domani…”. Il gioco/simulazionecoinvolgerà 1000 giocatori, giovani studenti provenienti da licei, università e scuole di specializzazione post lauream, da 100 diverse nazioni che si sfideranno a colpi di diplomazia per 5 giorni presso la sede romana della FAO (Organizzazione delle Nazioni unite per l’alimentazione e l’agricoltura). L’esperienza si concretizzerà nella simulazione di una crisi internazionale dove ciascuno dei partecipanti dovrà scegliere di ricoprire un ruolo tra cui, ad esempio, quello di Segretario generale dell’Onu, dell’Assemblea Generale, di membro permanente del Consiglio di Sicurezza ed in cui le regole del gioco saranno dettate dai processi interni all’Onu stessa. L’evento formativo si mette in gioco anche sui social promuovendo una campagna di selfie “be inspired by #WIMUN2014” che potrete scoprire digitando #wimun e #wimun2014 sia su twitter che su facebook. Un’esperienza all’insegna della cooperazione e del networking: “…La tecnologia ha globalizzato il mondo della comunicazione. Ora dobbiamo globalizzare la compassione e la cittadinanza. In un mondo sempre più connesso, dobbiamo essere più uniti. Con i nostri destini sempre più intrecciati, il nostro futuro deve essere quello di una sempre più profonda ed ampia cooperazione. Questa è la logica globale dei nostri tempi”, come sottolineato da Ban kimoon nel suo messaggio alla WIMUN 2014. Se siete giovani studenti compresi tra 14 ed i 30 anni e la vostra passione è la diplomazia siete ancora in tempo per mettervi alla prova, le iscrizioni sono aperte fino a sabato 30 maggio. Per maggiori informazioni su l’evento: www.wfuna.org/wimun e www.sioi.org Elena GuerraWFUNA